È nata l'Associazione Radicale Socialista Loris Fortuna

Il 26 febbraio 2021 è nata l'Associazione Radicale Socialista Loris Fortuna e da tale data fino al 14 marzo prossimo l'Associazione è in fase costituente. Chiunque manifesterà la volontà di partecipare entro tale termine sarà considerato socio fondatore e potrà quindi contribuire alla definizione dell'organizzazione dell'Associazione. La fase costituente la stiamo realizzando progressivamente ed abbiamo già deciso che la quota di iscrizione per essere soci ordinari è di 10€. Ogni decisione, comunque, compreso l'importo della quota associativa, può essere messa in discussione durante l'attuale fase costituente. Per iscriversi bisogna manifestare tale volontà attraverso la pagina "Iscriviti" di questo sito.

 

Gruppo Facebook dell'Associazione Radicale Socialista Loris Fortuna
Recapito telefonico: 347 2719247

 

______________________________________________

 

La scelta delle date di fondazione (26 febbraio) e di termine della fase costituente (14 marzo) non è stata casuale. Il 26 febbraio ci ricorda la morte, nel 2011, del compagno socialista Antonio Landolfi.

Landofi partecipò, come staffetta partigiana, alla Resistenza ed alla Liberazione. Come Loris Fortuna fu dapprima nel Partito Comunista Italiano, per uscirne entrando nel Partito Socialista Italiano. Fu un socialista di stampo europeo ed autore di molti saggi storici e politici tra cui "Il socialismo italiano" del 1978, "Storia del PSI" del 1990 e "Il socialismo meridionale” del 1992. Fu membro della direzione e successivamente della segreteria negli anni '70 del PSI. Venne eletto nel 1979 come senatore della Repubblica, nell'ottava legislatura. Fu direttore della rivista teorica del PSI Mondoperaio. Collaborò con:

  • l’Avanti!,
  • Critica Sociale,
  • Mondo Operaio.

Fondò e diresse l'Agenzia Fuoritutto. Fece parte del movimento dei diritti civili ed insieme a Pannella e Fortuna lottò per l'introduzione del divorzio. Fu anche uno stretto collaboratore del leader socialista Giacomo Mancini, su cui scrisse un saggio e ne diresse l'omonima Fondazione.

Il 14 marzo ci fa andare con la memoria all'anno 1974, quando a firma Loris Fortuna e Marco Pannella uscì sulla rivista "Il Mondo" di Mario Pannunzio un articolo dal titolo "Una nota di speranza", che trovate qui:
http://old.radicali.it/search_view.php?id=45252

 

L'articolo di Pannella e Fortuna venne pubblicato nello spazio che in quella fase storica italiana Il Mondo offriva alla Lega Italia per l'Introduzione del Divorzio. In quell'articolo si commentava favorevolmente l'abbandono da parte del PCI della polemica contro gli "opposti estremismi" (i clericali di Gabrio Lombardi da un lato e gli anticlericali della LID e del Partito Radicale dall'altro) e si sollecita la massima vigilanza sul tentativo dei partiti di governo d'impedire lo svolgimento del referendum sul divorzio. Si coglie in quell'articolo l'idea radicale, pannelliana, che unisce più la contrapposizione con l'avversario che volontà compromissiorie centriste, timide e stagnanti. Nel nome di Fortuna, Pannella e Landolfi e nel nome delle lotte per i diritti civili e sociali, per le libertà individuali, nasce la nostra associazione culturale: l'Associazione Radicale Socialista Loris Fortuna.